AOC037

2015

Dopo il brillante successo di pubblico e di critica dei primi due volumi di “Viaggio in Italia”, ANTICHI ORGANI DEL CANAVESE propone un nuovo itinerario musicale: da Frescobaldi a Bach, un avvincente percorso attraverso gli stretti rapporti culturali che hanno legato la penisola italiana ai paesi a nord delle Alpi tra ‘600 e ‘700.

Di grande rilievo la scelta dello strumento, il prezioso organo costruito dall’artigiano valsesiano Giuseppe Maria Ragozzi  nel 1764 per la chiesa di Santa Croce a Graglia; i recentissimi lavori di restauro ai quali è stato sottoposto hanno evidenziato non solo le sue straordinarie condizioni di autenticità e conservazione, ma anche una struttura fonica strettamente legata all’organaria classica, retaggio dell’importante tradizione secentesca.

Se questo autentico capolavoro è giunto a noi sostanzialmente intatto è esclusivo merito della Confraternita di Santa Croce che con amorevole cura ha conservato e, in occasione del 250° anniversario dalla costruzione, recentemente restituito all’originario splendore.

Catalogo

In Evidenza

Dopo un ventennale percorso alla riscoperta e alla valorizzazione del nostro prezioso patrimonio organario storico, ANTICHI ORGANI DEL CANAVESE approda a Vigliano Biellese ad incidere il pregevole nuovo strumento opera della Bottega Organara Dell’Orto & Lanzini a dieci anni esatti dalla sua costruzione, avvenuta nel 2007.

Organo e sassofono nel XIX secolo. Prosegue il percorso di ANTICHI ORGANI DEL CANAVESE alla riscoperta e alla valorizzazione dell’importante patrimonio organario costituito sul finire dell’Ottocento. Chiesa di S. Bernardo - Campomorone (Ge). Emanuele Fresia e Rodolfo Bellatti.

Holidays for organ: venti  capolavori del repertorio leggero, arrangiati ed eseguiti da Roberto Cognazzo sul Carlo Vegezzi-Bossi 1890 della Chiesa di S. Gaetano da Thiene in Torino. 

Un lavoro monografico dedicato a Dietrich Buxtehude, per acquisto diretto in rete:
http://www.discolandmail.com/catalogo-135010.htm

 

Canavese On Line