AOC041

2015

Il patrimonio organario italiano è costellato di grandi strumenti ottocenteschi spesso manomessi e sfigurati alla fine del XIX secolo da velleitari tentativi di “riforma” praticati, nella maggior parte dei casi, da mestieranti privi di arte e di cultura organaria.

In questo contesto il monumentale organo della parrocchiale di Barge, da poco tornato all’ottimale funzionalità grazie ad un oculato restauro, rappresenta una rara e felice eccezione.  Importante opera di Alessandro Collino nel 1853, dopo alcuni interventi, subisce una completa ricostruzione “a sistema moderno” nel 1896 ad opera di Francesco Vittino.

Dell’organaro centallese lo strumento conserva inalterate tutte le prerogative: precisione costruttiva, razionalità strutturale, raffinata intonazione.  Da queste solide basi i recenti lavori di restauro hanno recuperato l’originaria funzionalità e consentito il ripristino di alcune unicità dell’organo Collino, una tra tutte il registro delle Trombe orizzontali in facciata, tanto care all’organaria piemontese tra fine ‘700 e inizio ‘800.

Catalogo

In Evidenza

Holidays for organ: venti  capolavori del repertorio leggero, arrangiati ed eseguiti da Roberto Cognazzo sul Carlo Vegezzi-Bossi 1890 della Chiesa di S. Gaetano da Thiene in Torino. 

 

Organo e Saxofono nel XIX secolo: 

Acquisto diretto in rete:

 

Il grande organo di Barge : brani di Mendelssohn, Schumann, Franck, Guilmant, Capocci, Bossi, Batiste, Lefebure-Wely, Yon. Organista il M° Walter Savant-Levet

1879-1899 Il rinnovamento della musica organistica in Italia : brani di Liszt, Perelli, Gigout, Bossi, Saint-Saens. Organista Rodolfo Bellatti

Canavese On Line